In questo articolo ti propongo i consigli per compiere una scelta “paperless” consapevole tratti da libro di Leo Babauta “Piccola guida per una vita minimalista“.

La prima cosa da fare è prendere in esame ogni pezzo di carta, ogni modulo, ogni nota e chiederti se deve essere per forza in formato cartaceo o se potrebbe essere passata in formato digitale.

Alcuni esempi:

  • Stampare il materiale da leggere. Se sei abituato a stampare il materiale da leggere, smetti di farlo. Leggi in formato digitale. Questo primo punto è facile.
  • Smetti di conservare documenti cartacei. Ero solito stampare i materiali e archiviare le carte in cartellette. Ora conservo tutto in formato digitale in modo che sia facilmente rintracciabile sul computer.
  • Uccidi il fax. Se il tuo ufficio lo usa ancora, smetti subito. È una tecnologia datata. Qualunque documento può essere inviato via email anziché via fax: magari devi farne la scansione, ma si può fare.
  • Smetti di spedire memorandum cartacei e lettere. Smetti anche di far circolare documenti in formato cartaceo. Non conosco persone che lo facciano ancora, l’email ha rimpiazzato quest’abitudine.
  • Trasforma tutti i tuoi moduli in moduli online. Fai in modo che le persone possano collegarsi al tuo sito e compilare i moduli online. In questo modo non sei costretto a copiare i dati dai moduli cartacei nel computer e risparmi denaro per le stampe dei moduli.
  • Fattura digitalmente. Esistono ottimi software che consentono di farlo. Paga digitalmente. Smetti di usare assegni. Usa i servizi bancari online e Paypal. (con la fatturazione elettronica ormai questo problema dovrebbe essere superato, spero)
  • Smetti di ricevere in formato cartaceo bollette, notifiche e cataloghi. Basta una telefonata o un’email per ognuno.
  • Sospendi la consegna di giornali e riviste in formato cartaceo. Puoi leggerli online.
  • Smetti di stampare i contratti da firmare e poi inviare per posta agli altri contraenti. Verifica la possibilità di avvalerti di un servizio di firma digitale dei contratti che sia legalmente valido.

Si tratta solo di alcuni esempi. La tua situazione sarà diversa e le difficoltà di fare la scelta paperless varieranno da un ufficio all’altro. Potresti non riuscire ad eliminare la carta, ma probabilmente almeno a ridurla sì.

Iscriviti GRATIS a
“ESSENZIALISMO DAILY”

https://marcomignogna.it
Ti piacciano gli articoli di Marco Mignogna? Seguilo sui social!
Commentato da: I consigli di Leo Babauta per una scelta “paperless” consapevole

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.